Catanzaro
 

Carlopoli, consiglieri comunali chiedono intervento dopo fiamme nei ruderi dell'Antica Abbazia di Corazzo

"Abbiamo ritenuto necessario chiedere alla SAbap-Cs (Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio) un urgente sopralluogo al fine di verificare eventuali danni creati ai ruderi dell'Antica Abbazia di Corazzo, sita in Carlopoli. Nei giorni scorsi, infatti, l'intero complesso è stato lambito dalle fiamme, per roghi appiccati alla base delle strutture murarie, probabile conseguenza di un maldestro tentativo di pulizia finalizzato ad eliminare la sterpaglia e i rovi presenti da decenni intorno le rovine. Tale condotta, compiuta ai danni del sito archeologico "scrigno di inestimabile valore", oltre a causare preoccupazione nei cittadini del territorio, ha contribuito ad arrecare ulteriore pregiudizio alle già deboli mura dell'Abbazia lasciate da decenni all'incuria. Risulta evidente l'annerimento delle pareti murarie interessate dall'incendio, come anche l'utilizzo di un mezzo meccanico per estirpare i rovi, che pare abbia proprio provocato la caduta di alcune pietre del muro perimetrale. Inoltre, sarà nostra premura segnalare alla Soprintendenza la completa distruzione, per mano di terzi, dei resti dell'antico mulino ad acqua, posto all'interno del sito dell'Abbazia in località Cuoco. A questo punto è opportuno sottoporre all'attenzione dell'intera comunità il comportamento "dimesso" del Sindaco Mario Talarico e della sua Giunta Comunale, i quali per un verso risultano particolarmente attenti a millantare prodezze e virtù attraverso selfie autocelebrativi durante manifestazioni prive di ogni requisito volto a tutelare la sicurezza (tanto da risultare inidonee ad attrarre interesse da parte della comunità), dall'altro si mostrano completamente disinteressati ad intervenire affinché tali luoghi vengano concretamente preservati, finanche a denunciare alle autorità preposte gli eventi sopra segnalati. Difatti, dopo aver atteso invano, per più giorni, una presa di coscienza da parte della maggioranza consiliare, è stata nostra premura denunciare l'accaduto alla locale caserma dei carabinieri. Questo il quadro generale e, comunque finisca, così vanno le cose. In questi anni abbiamo cercato disperatamente di scuotere l'attuale Giunta Comunale con in capo il Sindaco pro-tempore, Mario Talarico, dal suo torpore. Ormai manca meno di un anno alle prossime elezioni amministrative e a breve sarà tempo di bilanci, sarà tempo di riflettere attentamente sul futuro della nostra comunità. In questi anni l'impegno del Gruppo Consiliare "Uniti per Carlopoli e Castagna" non è mai venuto meno, lo testimoniano le nostre innumerevoli iniziative a carattere politico-amministrativo, i nostri comunicati stampa, i nostri concittadini che con il loro supporto ci spingono a non mollare, perché rispetto all'attuale maggioranza consiliare non abbiamo una concezione proprietaria della cosa pubblica, abbiamo un'altra idea di comunità e di sviluppo sano del territorio. All'appuntamento elettorale del prossimo anno ci saremo con tutta la passione e l'impegno necessari". Lo affermano in una nota i consiglieri comunali di "Uniti per Carlopoli e Castagna, Emanuela Talarico, Salvatore Aiello e Carlo Sacco.