Reggio Calabria
 

Morra (Antimafia): "Scuole, associazioni e cooperative insieme contro le mafie"

"Una rivoluzione culturale, un nuovo modello di cittadinanza. Finalmente anche le scuole inizieranno a collaborare con le associazioni e le cooperative che operano all'interno dei beni confiscati alle mafie. Insieme al ministro dell'Istruzione Lorenzo Fioramonti stiamo lavorando a un Protocollo di Intesa tra il MIUR e la presidenza della commissione Antimafia per realizzare nuove forme di partecipazione e interdipendenza tra mondo dell'associazionismo, della scuola e del lavoro". Lo sottolinea Nicola Morra, presidente commissione Antimafia.

"Inizieremo domani dalla Calabria - spiega - saremo presso la Cooperativa Valle del Marro, nel Comune di Polistena, per incontrare studenti e professori delle scuole della Piana di Gioia Tauro. In tutta Italia, ma in questa Regione ancora di piu', va rimarcato il profondo valore simbolico dei beni sottratti alla 'ndrangheta e alla malavita. I beni confiscati sono il segno della vittoria dei cittadini unitamente allo Stato. E' il nostro patrimonio comune, che tornando nelle disponibilita' locali viene finalmente gestito nel rispetto delle regole democratiche. Una vera e propria rivoluzione copernicana che ci consente di mandare un messaggio forte al resto del Paese: le mafie si sconfiggono solo se davvero tutti iniziano a mettere al centro la cultura. Cultura del rispetto, cultura della legalita', cultura del diritto, cultura in cui i deboli sono messi al centro della vita quotidiana e non lasciati ai margini. Il Ministero dell'Istruzione, dell'Universita' e della Ricerca (MIUR) e la presidenza Parlamentare Antimafia - conclude Morra - hanno deciso di lavorare insieme per inserire la scuola nell'avanguardia della lotta alla criminalita' organizzata e offrire cosi' un nuovo modello di cittadinanza. Proveremo a realizzare esperienze di alternanza scuola-lavoro non soltanto in aziende votate al profitto, ma anche nelle realta' cooperative che lavorano nel sociale e che ogni giorno si fanno carico di grandi responsabilita'".