Reggio Calabria
 

Incendio tendopoli San Ferdinando:, l’amministrazione comunale: “Cause non appaiono legate a carenze della struttura di accoglienza”

"I giornalisti che hanno seguito la vicenda particolarmente dolorosa del giovane senegalese, vittima di un incendio sviluppatosi all'interno della Tendopoli di San Ferdinando, hanno messo in evidenza alcune criticità relative alle condizioni di sicurezza e successive al recente e massivo trasferimento di migranti dopo l'abbattimento della vecchia "baraccopoli."

Non si ravvisa, tuttavia, alcun legame tra la tragedia che ha colpito SyllaNuomo, il giovane migrante morto nell'incendio, e l'efficienza dei sistemi di sicurezza presenti nel campo.

Le cause dell'incendio, infatti, sono ancora in fase di accertamento da parte della Procura della Repubblica ma non appaiono legate a carenze della struttura di accoglienza o a inadempienze del personale addetto.

In seguito al recente abbattimento della baraccopoli, l'installazione repentina di trentasei nuove tende ha probabilmente stressato la funzionalità complessiva della struttura che, tuttavia, non ha evidenziato particolari disfunzioni, come peraltro dimostrato dal corretto funzionamento degli estintori in dotazione al campo e dall'immediato intervento dei Vigili del Fuoco.

Superata la spinosa criticità di una baraccopoli anarchica, già nei giorni successivi allo sgombero del 6 marzo si è registrata una consistente riduzione degli ospiti nella nuova Tendopoli tale da consentire la disinstallazione di oltre venti tende e il ripristino delle migliori condizioni di agibilità all'interno del campo". Così una nota dell'amministrazione provinciale di San Ferdinando.