Crotone
 

'Ndrangheta a Crotone, operazione "Hermes"; chieste 17 condanne

Toghe500Pene comprese tra i due e i 16 anni di reclusione: sono quelle chieste dal pubblico ministero Domenico Guarascio, sostituto procuratore della Direzione distrettuale antimafia, nei confronti di 17 persone accusate a vario titolo di associazione mafiosa, estorsione, detenzione di armi e droga e tentato omicidio. Tutte coinvolte nell'operazione, denominata Hermes, con la quale a giugno dello scorso anno la squadra mobile di Crotone ha sgominato la cosca che farebbe capo al 67enne Gaetano Barilari. Da quella indagine, dice l'Agi, e' emerso che gran parte delle attivita' commerciali di Crotone erano minacciate dalla cosca: dai bar alle pasticcerie, dai ristoranti alle tabaccherie, dagli alberghi ai negozi per bambini, tutti dovevano pagare il pizzo. Anche dieci euro al giorno, anche una fornitura di sigarette.

E' emerso, inoltre, riporta l'Agi, che durante la festa della Madonna di Capocolonna la cosca esercitava il suo potere maggiore imponendo ai gestori degli stand dei panini di rifornirsi, a prezzi maggiori, di prodotti alimentari venduti da ditte amiche. Davanti al giudice distrettuale dell'udienza preliminare Paola Ciriaco che sta celebrando il processo con rito abbreviato, dunque, il pm Guarascio ha chiesto 17 condanne; la pena piu' pesante (16 anni e 8 mesi di reclusione) e' stata sollecitata per Antonio Foschini che risponde del tentato omicidio di Rocco Devona, avvenuto nel novembre 2013, insieme ad Antonio Maiolo per il quale il pm ha chiesto 12 anni e 8 mesi. Della stessa accusa risponde anche Gaetano Barilari la cui posizione tuttavia e' stata stralciata.