Cosenza
 

A Morano (Cs) la verifica zootecnica per cani da seguita su cinghiale

Organizzata dalla S.I.P.S. (Società Italiana Pro Segugio "L. Zacchetti") sezione provinciale di Cosenza, in collaborazione con il Gruppo Cinofilo Rendese e il supporto tecnico/logistico della locale Azienda Faunistica Venatoria "Sant'Angelo e Monzone", si è tenuta venerdì, sabato e domenica scorsi, nei boschi di Morano (Monzone, Sant'Angelo, Cerrata, Cillarese, San Paolo/Ospitaletto) la Verifica Zootecnica per cani da seguita su cinghiale con rilascio di C.A.C. in categoria singolo e coppie, prova valida per il campionato nazionale.

La sfida,svoltasi dalle 7.30 alle 15.00 per ogni giorno di attività, ha visto fronteggiarsi trenta conduttori nelle categorie "singolo" e "coppia" provenienti da tutto il centro sud Italia, in un'entusiasmante prova di abilità.

La straordinaria bellezza dei luoghi, il fascino di quest'area ricca di elementi florofaunistici adatti a questo tipo di appuntamenti sportivi, la soddisfazione dei concorrenti intervenuti, dei giudici e dei promotori, in primis il presidente S.I.P.S. provinciale Emilio Chiappetta, il suo omologo dell'azienda moranese Giovanni Oberto e il direttore Berardino Rosito, la periodicità fissa della manifestazione, lasciano ben sperare per un probabile inserimento della zona nella Coppa Europa.

La premiazione si è tenuta all'agriturismo"La Cantina", a due passi dall'abitato antico di Morano.

«Abbiamo lavorato e ci siamo impegnati affinché tutto si svolgesse nel migliore dei modi – ha commentato Berardino Stabile. Siamo onorati di aver ospitato per il secondo anno consecutivo una competizione così importante e, soprattutto, siamo molto compiaciuti per la presenza numerosa sia di partecipanti sia di pubblico: entrambi hanno mostrato grande interesse non solo per l'aspetto sportivo ma, in generale, per lo scenario offerto dal nostro paesaggio, intonso, ineguagliabile nei suoi tratti caratteristici, e per l'amore con cui riusciamo a custodire la nostra piccola porzione di Creato. Vogliamo ringraziare – ha aggiunto Stabile – la S.I.P.S. per aver scelto il nostro territorio tra i tanti possibili, il Gruppo Rendese, la squadra cinghialai "I Corsari", di Paola. Infine, siamo oltremodo riconoscenti all'Amministrazione Comunale per averci ancora una volta sostenuto».

Parole di apprezzamento arrivano dal vicesindaco di Morano, Pasquale Maradei. Il quale, nella premiazione ha incoraggiato i gruppi presenti e i cacciatori moranesi, auspicando che «la kermesse possa diventare presto di livello internazionale». «Riteniamo che eventi come questi – ha evidenziato Maradei – abbiano, oltreché una valenza sportiva, un significato altamente educativo: insegnano a rispettare la natura in tutte le sue forme. E, visione affatto secondaria, è anche mediante questa passione che si realizza la difesa e il controllo del territorio. La nostra piena e sincera riconoscenza ai soggetti organizzatori, nessuno escluso, per aver individuato Morano come sito idoneo allo svolgimento del concorso venatorio,e un plausoa Bernardino Stabile ea tutti i soci dell'Azienda Sant'Angelo/Monzone per la meticolosità con la quale hanno saputo armonizzare le molteplici variabili della manifestazione».