Cosenza
 

Cosenza: storia, arte, mito ed enogastronomia domani al Chiostro di San Domenico

"Cosenza, storia, arte, mito... enogastronomia" è il titolo dell'iniziativa, inserita nel programma di "Buone Feste cosentine", in programma domani, sabato 14 dicembre, al Chiostro di San Domenico, alle ore 17,00.
Saranno presentati i libri di Raffaele Borretti (docente all'Università della Calabria, musicista, collezionista e socio dell'Accademia Cosentina e della Deputazione Storia Patria) "Alarico e Cosenza – Storia, mito, leggenda" e "Il Castello di Cosenza – Guida storico-artistica", editi da ASEmit.

Il primo testo mette in evidenza il rapporto che intercorre tra il Re visigoto Alarico e la città di Cosenza, in un perfetto mix di storia, mito e leggenda, ripercorrendo tutto quello che riguarda la figura del "barbaro romanizzato", la sua sepoltura e il suo tesoro. Il secondo volume (ricco di elementi architettonici, culturali, favolistici, militari, politici, religiosi, sociali e storici) ripercorre tutta la storia del maniero federiciano, dalle origini ai giorni nostri. Undici capitoli da leggere tutti d'un fiato, più una preziosissima appendice fotografica. Raffaele Borretti riprende in mano, integrandolo, il lavoro del padre Mario Borretti, primo studioso a dedicare al Castello di Cosenza, nel 1940, una ricerca organica. Al volume Raffaele Borretti diede, nel 1983, una nuova impostazione, arricchendola con i risultati di nuove ricerche e dei contributi di altri studiosi.
La presentazione dei due volumi sarà aperta dall'autore Raffaele Borretti.
Previsti gli interventi del Sindaco Mario Occhiuto sul tema "Alarico e Cosenza",di Enrico Marchianò, Presidente del Club Unesco di Cosenza che si soffermerà sul centro storico di Cosenza, tra passato, presente e futuro, dell'architetto Fulvio Terzi che incentrerà il suo intervento sulla struttura architettonica del Castello. Previsti anche gli interventi dello storico e ricercatore Roberto Mazzei che approfondirà la scoperta, a Madrid, di una pianta del Castello di Cosenza risalente al 1600 e del prof. Antonino De Lorenzo, direttore del Dipartimento di Biomedicina e Prevenzione dell'Università degli Studi di Tor Vergata a Roma che parlerà della dieta mediterranea come patrimonio di identità nutrizionale e culturale. A moderare i lavori, il giornalista Franco Mollo, Vice Presidente del Circolo della Stampa di Cosenza. La serata sarà conclusa da una degustazione di alcuni prodotti tipici del territorio. L'evento, patrocinato dal Comune di Cosenza, in collaborazione con la Ficlu locale (Federazione Italiana dei Club e Centri per l'UNESCO), è promosso dalla casa editrice ASEmit, dal Circolo della Stampa di Cosenza e dall'associazione culturale "Cosenza Autentica".