Cosenza
 

Anpi Cosenza e Castrovillari: “Solidarietà a Liliana Segre e ‘La pecora elettrica’”

"Non è, purtroppo, sorprendente la recente assegnazione della scorta a Liliana Segre, testimone della barbarie in cui la grande civiltà europea era stata precipitata dal nazismo e dal fascismo.
I ripetuti episodi di intolleranza e di aggressione, attuati da frange violente e fanatiche della destra; l'abbandono della celebrazione del 25 Aprile, data fondante della nostra Repubblica democratica, o, addirittura, il suo dileggio; la continua, più o meno velata erosione da più parti del dettato costituzionale; la strafottente arroganza di ministri che, incapaci di affrontare la complessità dei problemi esplosi con le massicce migrazioni, hanno utilizzato la carica per destabilizzare il Paese; l'attacco alla formazione delle giovani generazioni nel segno della libertà e dell'autodeterminazione con il ridimensionamento della conoscenza storica, scelta la cui immediata correzione da parte del nuovo esecutivo attesta la sua gravità; l'incendio della libreria romana "La pecora elettrica", crimine proprio delle più bieche dittature; parlamentari sciorinanti, nella sede istituzionale, lenzuolate di slogan per esprimere dissenso politico come la canea degli stadi ululante odio razziale; una destra che si astiene nella votazione relativa alla istituzione della Commissione contro l'odio razziale e l'antisemitismo, promossa dalla senatrice a vita, spiegano l'assegnazione della scorta, che viene a costituire il simbolo del degrado politico, culturale, civile e morale del nostro Paese.

"L'A.N.P.I., nell'esprimere solidarietà a Liliana Segre, si mobiliterà con le sue sezioni sempre in aumento in tutta Italia e sempre più frequentate dai giovani, che vengono a colmare il vuoto lasciato dai partiti, per rovesciare il becerume di stolidi gruppi politici, per contrastare la politica di una destra senza passato e senza futuro, per richiamare l'attenzione dei giovani sui valori della libertà e della democrazia sanciti dalla Costituzione.
II direttivo provinciale ANPI Cosenza "Paolo Cappello" nell'ambito della costante opera di contrasto all'emergere dei fascismi, ha intenzione di promuovere per il pomeriggio di giovedì 5 dicembre presso la Libreria Ubik di Cosenza una staffetta letteraria al fine di tenere alta l'attenzione sul pesante clima violento e antidemocratico vigente nel Paese.
La sezione A.N.P.I. di Castrovillari "Magnelli e Castriota", di recente costituzione, interverrà sulle criticità democratiche del proprio territorio, proponendo e promuovendo nelle scuole la riflessione sulla Costituzione e sugli sconvolgenti eventi storici del Novecento (regimi dittatoriali, genocidi, razzismo, caduta ed erezione di muri), come pure attivandosi nella tutela dei segni della memoria della comunità del Pollino: al riguardo, prioritario sarà l'impegno a ripristinare l'intitolazione della piazza di via XX settembre ai Fratelli Rosselli, luminose figure antifasciste, cancellata da smemorate amministrazioni per sostituirla con quella del fondatore dei Lions". E' quanto si legge in una nota della Sezione A.N.P.I. Castrovillari "Magnelli e Castriota" del Direttivo Provinciale A.N.P.I. Cosenza "Paolo Cappello".