Celluloide
 

Locri (RC), il 26 maggio la proiezione di “One Hundred”: un film sul dramma del bullismo

"Il bullismo è ormai divenuto un'entità senza volto che spesso si muove tra i passanti indifferenti nei meandri della vita di noi tutti...". Un'espressione audace e coraggiosa quella pronunciata da Bruno Panuzzo, artista ed ideatore del progetto "One Hundred", che "fotografa" in maniera precisa la gravità dilagante del fenomeno. L'opera ruota attorno alla figura di Raul, un giovane come tanti che viene "distrutto" dall'irragionevole "logica" di alcuni suoi compagni di classe. "One Hundred" (in italiano cento) racconta la cruda storia del ragazzo, sviluppatasi in appena cento giorni, presso un anonimo istituto scolastico della Locride. Non sono stati utilizzati artefici di sorta, effetti filmici di rilievo, attori rinomati per realizzare l'opera, ma tutto è stato "poggiato" sulla semplicità espressiva di 150 giovani. Sono stati gli stessi attori, che con semplicità e grande spirito organizzativo, hanno strutturato una storia profonda, avvincente ed a tratti posta fra luci ed ombre. La semplicità espressiva ha permesso di poter trattare con precisione e distacco una tematica sociale che attanaglia buona parte del sistema scolastico. L'opera evidenza il problema del bullismo non solo all'interno dell'ambito scuola, ma attraverso la corretta analisi del fenomeno sotto un'ottica più ampia.
Il dramma del bullismo, viene sapientemente rapportato dai ragazzi ad ogni singola sfaccettatura della società umana: ponendo l'opera stessa come un valido "elemento simbolo" nella lotta a simili problematiche sull'intero territorio locrideo. Su precise indicazioni di Panuzzo sono stati appunto i ragazzi, "vero elemento di forza del progetto", ad illustrare la storia racchiusa nel Libro Box (opera composta dal romanzo + il film in DVD) ad un pubblico attento e nutrito giunto presso l'incantevole cornice di Palazzo "Nieddu" a Locri. Panuzzo ha enormemente evidenziato i suoi ragazzi, i quali hanno ripagato l'artista stimolando nei presenti una crescente curiosità: tipica di un'opera che si preannuncia carica di sorprese. Tutto ruota attorno a Raul (il giovane artista protagonista del film interpretato da un valido Giuseppe Piscioneri) e ad un lasso temporale lungo appena cento giorni. In questo breve, ma intenso periodo, Raul, lo studente incompreso dai molti, riesce ad "imporre" a chi lo ha conosciuto il proprio grido di libertà.

L'originalità del progetto filmico, non si esplica solamente nel raccontare una problematica legata ai giovani attraverso l'ottica ed il giudizio degli stessi giovani. "One Hundred" evidenzia altresì, come i giovani, siano riusciti a rendere fruibile la complessa linea narrativa dell'opera: sfruttando le nuove tecnologie ed il linguaggio veloce e multimediale che li caratterizza. L'opera filmica è stata largamente realizzata con l'ausilio degli Smartphone. Tale tecnica, immediata, fresca e veloce ha documentato "senza filtri" e con grande spontaneità la parte più pura ed autentica della storia. Via via che la linea narrativa ha preso corpo l'opera diventa quasi un docufilm sul bullismo, ove, la finzione dei fatti trattati e la realtà racchiusa in grandi linee negli stessi, vengono evidenziate da margini sempre meno marcati e sempre meno evidenti.
La colona sonora, in buona parte scritta ed interpretata da Bruno Panuzzo, propone due brani inediti "Lorena" ed "Il silente volo degli uccelli". I due pezzi sono stati prodotti dal celebre artista fiorentino Franco Poggiali, per l'etichetta Atlantis.BA di Milano.
Nel brano "Lorena" va ravvisata la presenza del quotato bassista Paolo Ghetti (musicista tra gli altri nell'album Squerez di Cesare Cremonini ai tempi del gruppo Lunapop). Oltre alle cover di celebri brani del passato vi anche la presenza del brano inedito "Dammi un Senso" scritto ed interpretato da Samuele Lombardo (che nel film recita il ruolo di un preside atipico a supporto del protagonista).
Panuzzo ringrazia per la collaborazione i Licei "G. Mazzini" di Locri, il Preside Francesco Sacco e la Professoressa Girolama Polifroni, nonché tutti gli studenti che hanno cooperato alla realizzazione del progetto. Nel finale lo stesso Panuzzo, presentando gli attori li ha ringraziati uno ad uno: Samuele Lombardo, Assunta Pezzano, Giuseppe Piscioneri, Ingrid Cernea, Lorenzo Violi, Alessandra Magrone, Giorgia Romeo, Patrizia Strati, Leonardo Monteleone, Ivan Piscioneri, Denise Marzano, Marinella Feo, Angelo Violi, Francesco Iaconis, Francesco Sculli, Giulia Caridi, Nicole Gargano, Vincenzo Papa, Giovanni Talia, Pasquale Fabiani, Ferdinando Clemente e Bruno Musolino. Gli attori e l'autore hanno dato appuntamento a tutti, per la prima nazionale dell'opera filmica "One Hundred", il prossimo 26 maggio presso il Cinema "Vittoria" di Locri (RC) a partire dalle ore 10,00 a.m.