Catanzaro
 

Il Ministro De Micheli a Catanzaro: "Con Callipo l'impossibile diventa possibile. Investiamo su 106 e portiamo alta velocità"

demicheli210120"Per la Calabria cambiare punto di vista e quindi votare per Pippo Callipo potrebbe significare trasformare l'impossibile in possibile". A dirlo e' stata il ministro delle Infrastrutture, Paola De Micheli, come riporta l'Agi, nel corso di una conferenza stampa a Catanzaro insieme al candidato alla presidenza della Regione, Pippo Callipo, e al commissario regionale del Pd, Stefano Graziano.

"Voglio che sia chiaro a tutti - ha sostenuto De Micheli - quanto e' determinante vincere in Calabria, in Emilia ci sono stata ieri e l'ho detto agli emiliani. Ho mio cognato che e' calabrese, di Rossano, dove andro' stasera, ha una famiglia molto numerosa, la domenica quando sono a casa parliamo sempre di qualcosa che sta succedendo in Calabria. Lui mi dice sempre che sognano di avere una Calabria collegata con il resto d'Italia che a quel punto li' se la gioca perche' mi dice 'noi calabresi siamo lavoratori instancabili e abbiamo costruito noi mezzo Nord e se abbiamo le stesse opportunita' degli altri saremo in grado di raggiungere anche le altre regioni in termini di qualita' della vite e di crescita. A me - ha proseguito il ministro - spetta il compito di mettercela tutta per ridurre l'oggettiva disuguaglianza infrastrutturale di questa regione. Ai calabresi pero' la responsabilita' di scegliere l'amministrazione giusta per vincere questa sfida. Se ciascuno dei noi facesse la sua parte nei prossimi giorni, secondo me nulla e' impossibile. Ultimamente ho incontrato la direttrice dell'Esa, che ha fatto un bellissimo speech sul rapporto tra l'uomo e lo spazio, e a un certo punto ha detto che se voi andate nello spazio vi rendete conto, guardando la Terra, che l'impossibile e' una questione di punti di vista. Io credo - ha concluso De Micheli - che per la Calabria cambiare punto di vista e quindi votare per Pippo Callipo potrebbe significare trasformare l'impossibile in possibile".

Autostrade

"Stiamo affrontando con professionalita' e serieta', e senza sconti, un dossier delicato sul quale abbiamo sostanzialmente chiuso gli approfondimenti. Ripeto: senza sconti e con l'indignazione di una donna oltre di un ministro ma anche con la serieta' dovuta ad una situazione delicata".

"Non ci sono novita'. - ha aggiunto De Micheli - Quando saremo pronti per affrontare il dossier avrete notizie di questa attivita'. Non ho mai nascosto, ovviamente, la mia indignazione per quello che e' accaduto".

Gioia Tauro

"A febbraio nominero' il nuovo presidente dell'Autorita' portuale di Gioia Tauro" ha annunciato.

"Sull'attivita' che stiamo facendo, soprattutto per la linea ferroviaria e per i vari nodi ferroviari, abbiamo accelerato, come abbiamo promesso nella mia prima visita prima di Natale, in modo tale che entro quest'anno gia' ci sia un miglioramento della qualita' del servizio ferroviario per il potenziamento dell'intermodalita' del porto di Gioia Tauro. A febbraio - ha rilevato il ministro delle Infrastrutture - nominero' anche il nuovo presidente dell'Autorita' portuale di Gioia Tauro. De Micheli ha poi aggiunto: "Ho incontrato molti investitori internazionali. Non dico i nomi, ovviamente, perche' sono coperti dalla riservatezza, ma l'apertura dei cantieri per realizzare l'intermodalita' sara' anche la ragione per cui arriveranno altri investimenti italiani e stranieri molto importanti su quel porto, oltre a quelli che abbiamo visto nella mia prima visita da ministro".

Statale 106

"Ai primi di marzo tornero' per aprire il cantiere del terzo megalotto della Statale 106 jonica".

"Voglio essere personalmente qui - ha aggiunto De Micheli - quando aprira' il cantiere, tra l'altro un cantiere da 1,3 miliardi, quindi un cantiere enorme. Una risposta anche a quello striscione della Cgil che ho visto entrando a Catanzaro, striscione che chiedeva il lavoro e la statale 106 jonica".

Alta Velocità

"Dopo una lunga discussione, ho deciso che quest'anno mettiamo i soldi per fare l'alta capacita' Reggio Calabria-Salerno".

"Quindi - ha aggiunto De Micheli - oltre agli interventi gia' previsti da Rfi per il miglioramento della sicurezza e il raddoppio dei binari laddove non c'e' ancora il raddoppio, finanzieremo a partire dal 2020 la progettazione, dal 2021 la realizzazione dell'alta capacita' Reggio Calabria-Salerno, per una cifra complessiva di tre miliardi, per completare i corridoi mediterranei e soprattutto e per garantire alla Calabria gli stessi tempi di spostamento alla Calabria delle altre regioni. Vi confermo - ha quindi osservato il ministro delle Infrastrutture - che a giugno 2020 partiranno due nuovi treni verso Nord, uno sara' il Reggio Calabria-Venezia con materiale rotabile Etr 600 e l'altro sara' il Reggio Calabria-Roma con il materiale rotabile Etr 600. Quindi, sostanzialmente Reggio Calabria-Roma verra' coperta nello stesso tempo per il quale e' necessario fare Torino-Roma, a parita' di chilometri lo stesso tempo".

Tenuta del Governo

"Non ci saranno ripercussioni sul Governo dal voto di domenica ma voglio che sia chiaro a tutte e a tutti quanto e' determinante vincere in Calabria".

"A me, che sono emiliana, spetta il compito - ha aggiunto il ministro - di mettercela tutta per creare le condizioni in grado di ridurre l'oggettiva disuguaglianza strutturale di questa regione. Ai calabresi pero', compete la responsabilita' di scegliersi l'amministrazione giusta per vincere questa sfida. Oggi sono qui a sostegno di Pippo Callipo che prima di tutto e' un amico con il quale condividiamo passioni sportive e non solo. Un grande imprenditore e una persona speciale. Se ciascuno di noi facesse la sua parte nei prossimi giorni, secondo me nulla e' impossibile. Votare Pippo Callipo - ha aggiunto il ministro - potrebbe significare per questa regione trasformare l'impossibile in possibile. Il piu' caro augurio che posso fare ai calabresi e che Callipo diventi il loro presidente per il bene del loro futuro".

Legalità 

"C'e' una grande battaglia che Pippo Callipo sta facendo in Calabria ed e' quella che riguarda la legalita'. Per me e' inaccettabile ascoltare tante chiacchiere dalla destra quando gli unici che hanno messo i soldi, cioe' i fatti, per sostenere l'attivita' delle forze dell'ordine, siamo stati noi che, nella Legge di bilancio, abbiamo messo 800 milioni di euro".

"Voglio ricordarlo qui in Calabria - ha aggiunto De Micheli - anche perche' la battaglia che sta facendo Callipo, assieme a tanti amici e amiche a compagni e compagne, e' una battaglia che noi da Roma abbiamo sostenuto con i fatti in materia di rinnovo del contratto e di rafforzamento della presenza delle forze dell'ordine finalizzata alla sicurezza sui territori, e non con le chiacchiere della destra".

Quanto alla rete aeroportuale, De Micheli ha spiegato: "Sto negoziando con l'Unione europea la continuita' territoriale per l'aeroporto di Crotone e Reggio Calabria, e conto entro il mese di aprile di avere il via. Poi, faro' il nuovo piano aeroporti: che consenta a tutta l'Italia di avere le stesse opportunita' e dovra' avere un'attenzione particolare per gli aeroporti calabresi che presentano criticita', in particolar modo Crotone e Reggio". Il ministro ha poi aggiunto altri aspetti: "Abbiamo fatto i calcoli sull'aumento degli stipendi di donne e uomini calabresi grazie alle misure della Legge di bilancio, e - ha reso noto De Micheli - ci sono 408mila lavoratrici e lavoratori calabresi che avranno un aumento di stipendio grazie alla riduzione delle tasse prevista dalla Legge di bilancio". De Micheli ha fatto riferimento anche al tema della sicurezza: "Callipo sta facendo una grande battaglia per la legalita', che significa piu' crescita. Per me - ha sostenuto il ministro - e' inaccettabile ascoltare tante chiacchiere, quando gli unici che hanno fatto i fatti, cioe' che hanno messo i soldi per sostenere l'attivita' delle forze dell'ordine, per il rinnovo del contratto, per rafforzare la presenza delle forze dell'ordine finalizzata alla sicurezza nei nostri territori siamo stati noi perche' nella Legge di bilancio abbiamo messo 800 milioni. Io lo voglio ricordare in questa terra anche perche' la battaglia che stanno facendo Callipo e tante amici e amiche, compagne e compagni, e' una battaglia che noi da Roma abbiamo sostenuto con i fatti e non con le chiacchiere della destra". De Micheli ha quindi concluso, sostenendo che "la concretezza della nostra vicinanza alla Calabria e' evidente nei fatti". A sua volta, il candidato governatore Callipo ha ringraziato il ministro De Micheli "perche' dopo le sue parole abbiamo adesso una buona speranza", e ha infine osservato: "Ho molta fiducia che i calabresi davvero possano raccogliere las celta di cambiamento e di rivoluzione che insieme alle due liste del Pd intendiamo fare. Per farlo abbiamo bisogno dell'aiuto e della simpatia del governo nazionale della Calabria, che dovete prendere come una figlia che sta male e ha bisogno di tante cure. Se saro' eletto governatore, mi auguro di continuare a mantenere la stima del governo nazionale. Noi ci rialzeremo da soli, perche' in Calabria abbiamo tantissime risorse e professionalita', finora rimaste nell'ombra perche' mortificate da un sistema politico ormai vecchio, ma - ha concluso Callipo - abbiamo bisogno della maggiore attenzione possibile".