Catanzaro
 

Comunali Lamezia Terme, legame tra arrestato per usura e candidato? Mascaro querela Pegna: “Diffusa notizia falsa”. Il centrodestra: "Nicotera faccia chiarezza"

mascaropegna"Essendo oggettivamente falsa la notizia diffusa in una trasmissione televisiva dal candidato a sindaco Ruggero Pegna sull'essere rappresentante di lista della nostra coalizione un soggetto arrestato nei giorni scorsi ed indagato per gravi reati, si e' reso doveroso sporgere sul punto denuncia querela". E' quanto afferma, in un post pubblicato sulla sua pagina Facebook, il candidato sindaco Paolo Mascaro che, domenica 24 novembre, si confrontera' al ballottaggio proprio con Pegna.

"Formuliamo ancora l'auspicio - ha aggiunto Mascaro - che la campagna elettorale possa, nel reciproco rispetto delle parti, indirizzarsi nuovamente ed unicamente sui programmi e sul futuro della nostra Lamezia e non su diffamatorie affermazioni o su attacchi personali. Solo sui programmi e solo sul futuro di Lamezia, vertera' l'incontro che la nostra coalizione terra' stasera alle 19 in Piazza Fiorentino a Lamezia Terme Sambiase. Ridiamo il sorriso a Lamezia".

Sulla vicenda è intervenuto anche il diretto interessato, Giancarlo Nicotera, candidato nella lista "Assieme" con candidato sindaco Paolo Mascaro. "Spiace che il candidato Ruggero Pegna, che mi auguro abbia una fedina penale cristallina come la mia, dica cose assolutamente menzognere ed infondate dissertando falsamente su Paolo Mascaro e sulla mia specchiata storia personale e familiare. Rimango basito".
"Non e' dicendo bugie o gettando fango sugli avversari - prosegue Nicotera - che crescera' il suo consenso. L'unica verita' e' che da oltre 15 anni sono legale di fiducia di Furci Carmelo, nei procedimenti a suo carico, essendo io un avvocato penalista, con lo stesso, pertanto, ho avuto rapporti professionali. Rilevo pure che lo stesso non risulta essere mai stato rappresentante di alcuna nostra lista. Prendo atto che Pegna ha inteso condurre una campagna elettorale di un livello mai visto prima al quale non mi abbassero' mai, per me il rispetto dell'altro viene prima di tutto".

Forza Italia, Fratelli D'Italia, Udc, i partiti che sostengono Pegna, hanno incalzato Nicotera, invitandolo a fare massima chiarezza: "L'avvocato Giancarlo Nicotera, professionista specchiato, è troppo intelligente per non capire la gravità di quanto sta accadendo a Lamezia Terme. Il fatto che una persona coinvolta in una delicata operazione di polizia abbia svolto aperta attività di sostegno in seggio elettorale, poco importa se da rappresentante di lista o da semplice supporter, suscita legittime perplessità. Siamo certi che anche l'avv. Nicotera condivida l'esigenza di non lasciare alcuna ombra sul voto di Lamezia Terme anche alla luce delle motivazioni del decreto di scioglimento. Nessuno può esporre la nostra città al rischio del quarto scioglimento per infiltrazioni mafiose. Ci aspettiamo, per la stima che nutriamo verso l'avvocato Nicotera, che egli prenda nettamente e ufficialmente le distanze da quanto avvenuto in alcuni seggi elettorali, elemento che non riscontriamo invece nella sua precisazione che appare piuttosto mirata ad eludere la sostanza del vero problema".