Catanzaro
 

Accordo quadro sistema metropolitano, Abramo: “Invito Regione a procedere con i primi atti ufficiali previsti con la firma del 15 giugno dell’anno scorso”

"È passato un anno esatto dalla firma dell'accordo quadro per il sistema metropolitano: invito la Regione a procedere con i primi atti ufficiali, a partire dalla consegna al Comune del parcheggio della Cittadella, nel quartiere Germaneto".

Lo ha affermato il sindaco, Sergio Abramo, sottolineando come "i circa 35 milioni di euro previsti con la sottoscrizione dell'Apq il 15 giugno dell'anno scorso, durante un Consiglio comunale aperto convocato ad hoc, rappresentino un finanziamento fondamentale per accelerare lo sviluppo del capoluogo e affiancare in maniera sostanziale i lavori, già in itinere, per la realizzazione della metropolitana di superficie. Quei 35 milioni di euro servono a creare un sistema di parcheggi per la mobilità sostenibile che aumenti e razionalizzi lo spostamento dei cittadini e degli utenti nel capoluogo di regione".

"Considerando la grande attenzione che proprio il presidente Oliverio aveva riservato alla ratifica di quell'Apq sottoscritto insieme a Comune e Provincia – ha proseguito Abramo -, lo invito a procedere in modo consequenziale predisponendo tutto quanto è necessario al passaggio delle competenze: in prima battuta per il parcheggio dell'area della Cittadella a Germaneto, subito dopo per tutte le aree a supporto della metropolitana".

"Converrà con me, il presidente Oliverio, che è quanto mai indispensabile velocizzare questo processo garantendo anche una risposta alle tante richieste di incontro avanzate pure dai consiglieri regionali espressione della città. Sono sicuro che questo mio appello – ha concluso Abramo – sarà prontamente recepito dal governatore: un confronto sereno contribuirà a mandare avanti il percorso sinergico avviato un anno fa dando una consistente spinta allo sviluppo di Catanzaro, del suo centro storico come dei suoi quartieri, parte integrante di una città che lo stesso Oliverio aveva definito in quel Consiglio comunale come "oggettivo punto di riferimento per la Calabria".