Catanzaro
 

'Ndrangheta, processo alle nuove leve della cosca Giampà: quasi 90 anni di carcere in primo grado

tribunale togaSi è concluso il processo di primo grado celebrato in abbreviato davanti al Gup di Catanzaro Barbara Saccà nei confronti delle cosiddette nuove leve della cosca Giampà, con la condanna di quasi tutti gli imputati a complessivi 86 anni e 6 mesi di reclusione.

Sono strati infatti completamente assolti da tutti i reati solo Paola Claudio e Francesco Renda, difesi entrambi dall'Avvocato Aldo Ferraro, mentre gli altri imputati sono stati condannati a pene variabili dai 10 anni ai 4 anni e 6 mesi di reclusione. Le pene più pesanti sono state inflitte Roberto Castaldo (10 anni di reclusione) e Marco Francesco De Vito (9 anni e 4 mesi).