Sanità, Citrigno (Unindustria): "Urge svolta in gestione settore"

"Quanto sta accadendo nella sanita' calabrese ci induce a fare un appello al senso di responsabilita' di tutte le istituzioni, a partire dalla Struttura Commissariale, dal Dipartimento della Salute della Regione, dalla deputazione parlamentare calabrese, dai Consiglieri regionali, degli amministratori locali, dei sindacati, degli operatori e delle associazioni del settore". Lo afferma il presidente della Sezione Sanita' di Unindustria Calabria, Alfredo Citrigno.

"In questa fase ormai diventata di emergenza infatti - prosegue Citrigno - sono in gioco ed a forte rischio, il diritto alla salute dei calabresi, migliaia di posti di lavoro e anche un consistente numero di imprese. Per questo, a nostro avviso, tutti gli attori che hanno competenze e ruoli a vario titolo nella sanita' sono chiamati in causa. La sanita' calabrese ha urgente bisogno di una profonda azione di riorganizzazione e di risanamento: lo scioglimento dell'Asp di Reggio Calabria e dell'Asp di Catanzaro per condizionamenti della criminalita' organizzata, confermano sempre piu' l'esigenza di dare una decisa svolta alla gestione del settore, puntando a garantire il massimo di efficienza ed efficacia dei servizi e la massima legalita'". "La sezione Sanita' di Unindustria Calabria - sostiene ancora Citrigno - e' pronta a dare il proprio contributo alla struttura commissariale e al Dipartimento Salute della Regione. La priorita' resta quella di un fronte comune che abbia l'obiettivo di realizzare una totale revisione del Decreto Calabria, la cui attuazione purtroppo ha determinato finora effetti soprattutto negativi, aumentando le criticita' assistenziali, aggravando la situazione occupazionale e mettendo ulteriormente in difficolta' le imprese operanti nel settore. Su questi temi auspichiamo anche l'impegno del neo Ministro della Salute Roberto Speranza, al quale chiediamo un confronto operativo alla presenza del Commissario Saverio Cotticelli, del Sub commissario Maria Crocco e del direttore generale del dipartimento della Salute Antonio Belcastro. Ribadiamo la nostra volonta' di contribuire attivamente a risollevare la sanita' calabrese, ricordando - sottolinea il presidente della sezione Sanita' di Unindustria Calabria - che le nostre imprese, nell'interesse della tutela della salute di tutti i cittadini, chiedono di poter svolgere il proprio lavoro con impegno e trasparenza, secondo le leggi di mercato, della libera concorrenza e della meritocrazia".